BERGEN









19 AGOSTO 2010
Bergen è una città costiera della Norvegia di 250.000 abitanti, secondo centro più popoloso del paese dopo la capitale Oslo.
Si trova nella contea di Hordaland, della quale è il capoluogo amministrativo ed è considerata la porta ai fiordi della Norvegia.
Scendiamo dalla nave molto presto, la giornata è splendida e dobbiamo sfruttarla al meglio.
Come prima cosa andiamo all'ufficio turistico e facciamo la Bergen Card. Questa carta ci consente di prendere i mezzi di trasporto e di visitare la maggior parte dei monumenti gratuitamente o con forti sconti.
Ci avviamo quindi a prendere il tram che ci porterà alla Chiesa di Fantoft. E' una chiesa fatta interamente di legno ed è stata ricostruita nel 1992 dopo n terribile incendio. E' quindi la riproduzione esatta dell'originale che risale al 1150. E' veramente caratteristica sia per il fatto che è tutta a doghe di legno, sia per per l'architettura.
La Chiesa di Fantoft è immersa nel verde e addirittura la struttura non si vede dalla strada. Fortunatamente all'ufficio turistico ci hanno spiegato bene la strada da percorrere. Una volta scesi dal tram infatti, bisogna camminare per circa dieci minuti prima di incontrare i cartelli che indicano la direzione per la Chiesa.
Terminata la nostra visita torniamo verso il centro di Bergen sempre con il tram. Sono quasi le 12 e le pancine di tutti iniziano a borbottare. Decidiamo quindi di unire l'utile al dilettevole, direzionandoci verso la prossima tappa: il mercato del pesce.
Se vi capiterà mai di andare a Bergen non potete mancare la visita al mercato del pesce. E' un posto eccezionale, pieno di gente e si possono trovare tantissimi studenti italiani che lavorano nelle varie bancarelle. Nei pressi di ogni bancarella ci sono dei tavoli dove potersi sedere a mangiare, cosa che ovviamente decidiamo di fare. Un pò come se fossero tanti piccoli ristorantini uno a fianco all'altro. Salmone fresco, gamberetti... ho l'acquolina ancora a pensarci (e anche Camilla, che adora il salmone!). La pausa purtroppo è terminata e ci riavviamo di buona lena, la prossima meta è la Floibanen.
La Floibanen è una funicolare che ci porterà in cima al monte Floyen da dove potremo ammirare il meraviglioso paesaggio che ci circonda.  La stazione è costruita all'interno della roccia e alle pareti ci sono tantissime foto storiche raffiguranti la funicolare. Il percorso dura circa una decina di minuti e una volta in cima, arriviamo alla grande terrazza da cui si vede la città intera. Fortunatamente il tempo è dalla nostra parte e lo spettacolo è veramente unico. Il mare, le montagne, le case, tutto è mozzafiato.
Ma la nostra giornata non è ancora finita, così una volta scesi dal monte Floyen andiamo a visitare il famosissimo Bryggen. E' un insieme di edifici di legno colorati nei quali aveva sede la lega Anseatica. All'interno tutto è molto caratteristico e camminiamo lungo buie gallerie e vicoli stretti, su e giù per scalini di legno. E' pò come se ci trovassimo indietro nel tempo.
Il tempo vola tra queste meraviglie e dobbiamo iniziare ad avvicinarci alla nave, ma prima l'ultima tappa: la Hakon Hall e la torre di Rosenkrantz. La Hakon Hall è la sala dei banchetti della residenza imperiale e fu fatta costruire da re Hakon Hakonsson tra il 1247 e il 1261; adiacente al palazzo si trova la Torre di Rosenkrantz, del 1270.
Entriamo anche qui gratuitamente grazie alla Bergen Card. I giardini sono incantevoli, di un incredibile verde brillante. La Hakon Hall invece è un pò spoglia, niente di eccezionale. Forse perchè siamo abituati a vedere un altro genere di palazzo imperiale. La Torre invece devo dire che ha un certo fascino. Ci sono un numero infinito di scalini e tantissime entrate ed uscite in ogni piano, quasi come un labirinto. Le bambine (Camilla e la sua amichetta) si sono divertite molto.

La nostra visita di Bergen termina qui. Siamo riusciti a sfruttare l'intera giornata a nostra disposizione e il tempo è stato dalla nostra parte (25° in Norvegia non sono niente male). Abbiamo visto tante cose e fatto bellissime esperienze, soprattutto Camilla. Indimenticabile la sosta al mercato del pesce e il panorama mozzafiato visto dal monte Floyen. Le persone sono cordiali (questo un pò in tutta la Norvegia) e la città è veramente meravigliosa.

Nessun commento:

Posta un commento