ROYAL YATCH BRITANNIA (South Queensferry/Edimburgo)









14 AGOSTO 2013
Ritorniamo per la seconda volta nella splendida capitale scozzese, dalle molteplici sfaccettature.
Avendo già visitato la città vecchia, decidiamo di spostarci verso il porto di Leith dove è ormeggiato il Royal Yatch Britannia, yatch privato della regina Elisabetta fino al 1997 e con il quale  il principe Carlo e la principessa Diana fecero la loro luna di miele.
La nave arriva a South Queensferry puntualissima ed il tempo fortunatamente è bello, oggi siamo in rada è ed un fattore essenziale per lo sbarco. MSC mette a disposizione un servizio di shuttle bus per il centro, che però decidiamo di non acquistare per vari fattori. Il primo sicuramente è il prezzo: € 16,90 per gli adulti ed € 10,90 per i bambini, siamo in sei e la spesa totale sarebbe stata di € 89,40... insomma non proprio un'inezia! Per di più il bus ci avrebbe portati al centro e da lì avremmo dovuto prendere un pullman di linea del costo di £ 1,50 a corsa. Il porto di Leith è a circa 16 km da dove ci troviamo noi, quindi decidiamo di prendere un taxi che ci porti direttamente al Royal Yatch Britannia. La spesa totale per tutti e sei è di £ 25,00 quindi circa € 30,00. Durante il tragitto il simpatico autista ci mostra anche la casa di J.K. Rowling, l'autrice di "Harry Potter" e quando arriviamo all'Ocean Terminal ci accordiamo per farci venire a prendere nel pomeriggio. L'Ocean Terminal ospita un grandissimo centro commerciale ed al secondo piano c'è l'entrata per il Royal Yatch Britannia.
Il giorno prima di partire ho prenotato i biglietti via internet (www.royalyatchbritannia.co.uk), che puntuali troviamo pronti al nostro ingresso. Percorriamo un piccolo corridoio, dove già troviamo particolari cimeli e alle pareti foto della famiglia reale, per arrivare poi al vero e proprio ingresso, presso il quale ritiriamo le audio guide che ci accompagneranno per tutta la durata della visita. Saliamo a bordo ed il primo ponte in cui entriamo è quello di comando e appena possibile mio marito si siede sulla poltrona del comandante... sognando un po'! Facciamo qualche foto sulla parte esterna per poi rientrare e vedere i locali dedicati al comandante, la camera, lo studio, il bagno, rimanendo fin dall'inizio sorpresi di come sia tutto così curato. Proseguendo nel percorso ci ritroviamo di fronte ad una meravigliosa Rolls Royce! L'auto infatti, seguiva sempre la regina nei suoi viaggi, ma devo ammettere che fa specie vederla a bordo di uno yatch, pur grande che sia. Ci dirigiamo verso la poppa, sul ponte esterno che la famiglia reale usava e troviamo la campana del Britannia... ovviamente non può mancare la foto di gruppo che un gentile addetto si offre di farci.

Foto di gruppo sul Royal Yatch Britannia
Rientriamo nuovamente ed iniziamo a vedere le stanze della famiglia reale: la camera della Regina Elisabetta, quella del Principe Filippo, ognuna delle quali arredata seguendo il gusto personale dei coniugi. Dalla parte opposta del corridoio c'è la camera utilizzata da Carlo e Diana durante il viaggio di nozze. Torniamo all'esterno per salire al ponte superiore ed entriamo nel Royal Deck Tea Room dove ci gustiamo dei fantastici scones accompagnati da un tradizionale tea.
Royal Deck Tea Room
Il tour prosegue in un'altra zona dedicata agli ufficiali di bordo, composta da un salotto e dalla sala da pranzo. Le stanze successive sono incredibilmente una più bella dell'altra, iniziando da due salette di servizio dove si conservavano porcellane e argenti, si prosegue con la sala da pranzo reale sontuosamente allestita, si passa per gli studi della Regina e del Principe Filippo, concludendo per il salotto finemente arredato dove si tenevano feste e dove i principini William ed Henry giocavano durante le vacanze. Dall'audio guida apprendiamo particolari puntigliosi come il modo di apparecchiare la tavola (con il centimetro, per mantenere le distanze tra le posate tutte uguali).
Sala da pranzo
Ci spostiamo di un ponte più in basso ed arriviamo in una zona ricreativa per l'equipaggio, dove è possibile indossare dei cappelli per “sentirsi” parte di loro. Ovviamente Camilla e Riccardo non se lo fanno dire due volte e... neanche Alberto! Le curiosità continuano a susseguirsi: le cabine dei marinai, il bar a loro dedicato e l'ufficio postale di bordo. Ci troviamo poi nell'infermeria, affiancata da una vera e propria sala operatoria. In realtà il Britannia fu allestito per essere utilizzato come ospedale in caso di conflitti e anche la lavanderia, nella quale entriamo subito dopo, fu predisposta a questo scopo. Il tour guidato prosegue all'esterno del Britannia dove possiamo vedere un meraviglioso motoscafo bordato in oro zecchino! Rientriamo per l'ultima sala all'interno dello yatch, cioè la sala macchine: un vero gioiello!
Devo ammettere che l'esperienza sul Britannia è stata sorprendente, bella ed interessante. Il percorso è ben fatto e l'audio guida ti permette di visitarlo in piena autonomia e con i tempi che tu stabilisci. Siamo rimasti tutti affascinati ed è stata un'avventura coinvolgente anche per i bambini.
Facciamo un giro per l'acquisto della “nostra tazza” (che non poteva mancare) ed usciamo dall'Ocean Terminal dove il tassista ci aspetta per portarci in centro città. Facciamo un piccolo giro, il Castello, la Royal Mile, la gente è assiepata ovunque. C'è il Tattoo Festival ed è davvero un delirio. Durante tutto il mese di agosto di giorno si alternano artisti di strada e musicisti e alla sera, nella piazza in fronte al castello, il vero e proprio spettacolo delle bande militari Per l'occasione sono state montate delle gradinate tutt'intorno e sembra di stare in un campo di Quiddich, aspettandosi di vedere Harry Potter da un momento all'altro.
Prendiamo un taxi per tornare a South Queensferry e prima di risalire sulla nave decidiamo di fare un giretto per il piccolo paesino... che è davvero piccolo!
Ritorniamo sulla nave stanchi ma contenti della bellissima giornata passata, soprattutto della visita al Royal Yatch Britannia che ci ha fatto diventare per poco tempo principi e principesse!



3 commenti:

  1. Dovendo l'anno prossimo fare la stessa vostra crociera avrei bisogno se possibile saper alcune indicazioni.Il taxi l'avete prenotato in anticipo?Essendo noi in 8 ci vorrebbero 2 taxi?Quanto è costato il tragitto Britannia-centro e centro-porto. Grazie

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Raimondo,
      benvenuto sul mio blog. Per prima cosa, complimenti per l'itinerario scelto, è meraviglioso!
      Ora veniamo alle tue richieste... No, il taxi non l'abbiamo prenotato prima. All'uscita del porto troverete una fila di taxi in attesa, purtroppo però non posso essere precisa riguardo alle dimensioni delle auto. Puoi però contattare il servizio taxi (questo il link www.taxis-edinburgh.co.uk) ed informarti in merito. Attraverso il questo sito puoi anche prenotare. Se decideste di non prenotare, ti consiglio di sbarcare il prima possibile, perchè il numero di taxi non è illimitato.
      Questi invece i costi delle varie tratte:
      South Queensferry - Royal Yatch Britannia £ 25
      Royal Yatch Britannia - Edinburgh centre £ 13
      Edinburgh centre - South Queensferry £ 22
      In totale abbiamo speso £ 60 quindi circa € 72, contro gli € 89 del servizio navetta. La differenza non è molta, ma abbiamo avuto il vantaggio di andare direttamente a destinazione e di poter rientrare alla nave quando volevamo. Con lo shuttle bus saremmo stati vincolati dall'orario.
      Ovviamente questi costi vengono ammortizzati dal numero delle persone, quindi se riusciste a trovare un taxi a 8 posti (es. Vito) sarebbe l'ideale.
      Spero di esserti stata d'aiuto.
      Ho visto che hai postato un commento anche su Invergordon... ora ti rispondo.

      Elimina
  2. Noi siamo saliti sulla Magnifica quando voi siete scesi il 23 Agosto e abbiamo fatto Scozia e Inghilterra.Ad Edimburgo non sapendo in tempo della navetta abbiamo fatto un escursione che si è incentrata sul centro di Edimburgo. Abbiamo pagato 50 € a testa per essere portati al centro , lasciati per 3 ore , qualche cenno storico e via .Per noi questa era la 13° crociera ,però erano anni che facevamo tutto da soli, ed intendiamo continuare a farlo anche grazie a persone gentilissime come voi che ci illustrate il tutto.Ciao

    RispondiElimina